titolo II regione puglia
Uncategorized

Con il Titolo II Regione Puglia le imprese con sede in Puglia possono presentare programmi di investimento anche per la sola realizzazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile e con fondo perduto.

Fino a oggi questo tipo di investimenti era finanziabile solo se l’impianto generale era assimilato alle opere murarie attraverso un contributo calcolato sul montante interessi. Da ora in avanti sarà possibile aggiungere anche la sovvenzione diretta: il 35% di premialità per le piccole imprese e il 30% sulle medie, un sostegno a fondo perduto calcolato sul costo degli impianti.

In particolare l’intervento regionale Titolo II Regione Puglia riguarda i Contratti di Programma, i Pia (Programmi integrati di agevolazione) Medie imprese, Piccole imprese e Turismo e il Titolo II Capo 3 (rivolto alle Pmi del commercio, dell’artigianato e del manifatturiero) e Capo 6 (per le Pmi del settore turistico-alberghiero).

Nel Titolo II Regione Puglia rientra l’installazione in azienda di impianti eolici, solari (con tutte le tecnologie), macchine frigorifere a fonte geotermica (refrigeratori o pompe di calore) e impianti di produzione di energia termica o elettrica a biomasse (liquide, solide o gassose). Sono agevolabili anche le spese per i sistemi di accumulo integrati dell’energia (storage) e per la realizzazione di stazioni di ricarica di veicoli elettrici e ibridi ad uso esclusivo delle imprese che propongono il progetto.

Sia per il Titolo II Capo 3 e Capo 6 che per i Contratti di Programma (per le sole Pmi) e Pia, è previsto, in presenza della garanzia COFIDI, un incremento della percentuale d’intensità dell’agevolazione; l’ESL (equivalente sovvenzione lorda) dell’aiuto viene considerato e valutato oltre i limiti del 35% per le medie imprese e del 45% per le piccole. Le percentuali del contributo totale aumenterebbero così di 10 punti percentuali per le medie imprese e di 15 punti per le piccole imprese; quindi l’intensità dell’agevolazione raggiunge il 45% per le medie imprese e il 60% per le Piccole.

La nuova misura punta così ad abbattere i costi di energia delle imprese consentendo di realizzare impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per il proprio consumo e di ricevere una agevolazione che può arrivare al 60% nel caso vengano richiesti anche aiuti sotto forma di garanzie.

Contatta Qesco per una consulenza gratuita sugli impianti fotovoltaici aziendali chiavi in mano. Ci occupiamo anche del disbrigo della pratica per la richiesta del Titolo II Regione Puglia.